Sport

Cincinnati Bengals ko, il Super Bowl va ai Rams

NEW YORK, 13 FEB – I Los Angeles Rams si aggiudicano il Super Bowl 56, battendo 23 a 20 i Cincinnati Bengals. Dopo il vantaggio nella prima metà della partita, i Rams hanno sofferto per poi agguantare la vittoria nel finale. Ai Bengals, la cenerentola della Nfl al suo primo Super Bowl in 33 anni, non è riuscita l’impresa dopo una stagione di successi. Per i Rams si tratta della prima vittoria al Super Bowl in 22 anni, conquistata in casa, al Sofi di Los Angeles. Uno stadio che ha registrato il tutto esaurito e che è esploso in un grido liberatorio alla vittoria. La partita è iniziata coi Rams in controllo, protagonisti della prima metà dell’incontro grazie anche ai primi due touchdown del match di Odell Beckham Jr e Cooper Kupp. L’intervallo però ha restitutio fiducia ai Bengals, scesi in campo più decisi e passati al comando fino a poco più di quattro minuti dalla fine della partita, decisa nei due minuti finali. per i Rams un successo importante per spazzare via la sconfitta al Super Bowl del 2019 contro i New England Patriots. L’intervallo è stato un vero e proprio show, con i pesi massimi dell’hip hop in campo, da Dr Dree a Snoop Dogg, da Eminem a Mary J Blige e Kendrick Lamar. La loro performance ha incantato il pubblico: in una chiara celebrazione di Los Angeles e della California, Snoop e Dre hanno cantato ‘California Love’. Mary J. Blige si è esibita in alcuni dei suoi maggiori successi, mentre Kendrick Lamar ha intonato ‘Alright’. Eminem ha cantato ‘Lose Yourself’ e in quella che sembra apparentemente una sfida alla Nfl si è inginocchiato durante la sua performance, in un gesto di protesta contro l’ingiustizia razziale nel Paese. Gli spot pubblicitari sono stati gli altri protagonisti, con le criptovalute a giocare la parte del leone. Sugli spalti decine di vip: LeBron James, Justin Bieber e la moglie Haley, la coppia Jennifer Lopez e Ben Affleck, l’attrice Charlize Theron, Jay-Z e la modella Kendall Jenner. Una parata stellare per un Super Bowl che è un assaggio della nuova normalità dopo il Covid-19: gli spettatori per accedere allo stadio hanno dovuto presentare la propria vaccinazione o il risultato di un test negativo. All’interno della struttura la mascherina era d’obbligo. (ANSA).
(ANSA)

Articoli correlati