SaluteScienza

Unicef, 1 bambino su 3 sotto i 5 anni è denutrito o in sovrappeso

In Italia la percentuale di bambini sovrappeso fra i 5 e i 19 anni è del 36,8%

Secondo il nuovo rapporto Unicef “La condizione dell’infanzia nel mondo 2019” un bambino su tre sotto i 5 anni è denutrito o in sovrappeso. Sono numeri che ci indicano in modo chiaro le enormi diseguaglianze e le grandi contraddizioni di quest’epoca. I dati del rapporto ci parlano anche di 149 milioni di bambini con ritardi nella crescita, troppo bassi per la loro età, 50 milioni deperiti, troppo magri per la loro altezza. Circa 40 milioni sopra i 5 anni sono in sovrappeso, mentre due su tre tra i 6 mesi e i 2 anni non ricevono cibi che supportano la crescita. In Italia la percentuale di bambini sovrappeso fra i 5 e i 19 anni è del 36,8%, con un aumento del 39,1% rispetto al 1990: è una situazione “preoccupante”. Lo ha detto il presidente dell’Unicef Italia, Francesco Samengo.
“Malnutrizione – ha spiegato Samengo – non significa solo non avere da mangiare a sufficienza, ma anche mangiare in modo errato o malsano. Con questo rapporto, si vuole mettere in luce anche il problema dell’obesità infantile che sta assumendo le caratteristiche di una vera e propria epidemia”.
In Europa orientale e in Asia centrale un bambino su 7 sotto i 5 anni è in sovrappeso. Dal 2000 al 2016 la percentuale in sovrappeso fra i 5 e i 19 anni è raddoppiata da 1 su 10 a circa 1 su 5. Rispetto al 1975 il numero di bambini e ragazzi in questa fascia d’età che soffrono di obesità è 10 volte maggiore per le ragazze e 12 per i ragazzi.

Tags

Articoli correlati