Primo PianoSalute

Ranitidina, l’Agenzia del farmaco ordina il ritiro: tutti i farmaci che lo contengono

Il principio attivo è contenuto nel Buscopan Antiacido

Molti farmaci che contengono ranitidina verranno ritirati: lo ha deciso l’Agenzia Italiana del Farmaco (AIFA) che ha disposto il ritiro dalle farmacie e dalla catena distributiva di tutti i lotti di medicinali che contengono questo principio attivo prodotto presso l’officina farmaceutica SARACA LABORATORIES LTD – India. L’AIFA, a scopo precauzionale, ha disposto anche il divieto d’utilizzo di alcuni lotti, tra cui il Buscopan antiacido.

Ritirati dal mercato alcuni lotti di RANITIDINA HEX, RANITIDINA RATIOPHARM, Ranitidina Mylan Generics, RANIDIL sciroppo, ZANTACe RANITIDINA AUROBINDO ITALIA. Disposto, invece, il divieto d’uso per lotti di Buscopan Antiacido, Ranitidina Almus, RANIDIL, ULCEX, ZANTAC, Ranitidina DOC GENERICI, RANIBLOC, RANITIDINA PENSA e altri.

Qui l’elenco completo dei lotti ritirati; qui i lotti per i quali è stato disposto il divieto d’uso.

Come mai? Il motivo è la presenza, in alcuni di questi lotti, di un’impurezza denominata N-nitrosodimetilammina (NDMA) appartenente alla classe delle nitrosammine. Questa impurezza era già stata rilevata nel 2018 in una classe di farmaci anti-ipertensivi. In questi casi le autorità sanitarie operano secondo il principio di precauzione, che prevede di ridurre al minimo i rischi per il paziente, limitando l’esposizione alla sostanza potenzialmente dannosa.

Tags

Articoli correlati