Salute

Dengue, le Filippine la dichiarano “epidemia nazionale”

Dall'inizio dell'anno 146.000 casi e 622 decessi, il doppio rispetto all'anno scorso

Il governo delle Filippine ha dichiarato una “epidemia nazionale di dengue” in seguito ad un forte aumento dei decessi causati da questo virus nel Paese. Dall’inizio dell’anno sono morte almeno 622 persone e, al 20 luglio scorso, sono stati registrati almeno 146.000 casi. Si tratta di un numero quasi doppio rispetto all’anno scorso: quest’anno si conta il 98% di casi in più rispetto allo stesso periodo del 2018. Nella zona occidentale dell’arcipelago di Visayas si conta il maggior numero di casi: più di 23 mila.  A luglio Manila aveva dichiarato un “allerta nazionale” a fronte del dilagare del virus.

Secondo le autorità la paura dei vaccini contro la febbre dengue ha provocato un netto calo dell’immunizzazione nelle Filippine. A scatenare la fobia è stata la morte, avvenuta dopo il vaccino contro la dengue, di 14 bambini su 800 mila a cui è stato somministrato.

L’Organizzazione Mondiale della Sanità ricorda come prima del 1970 epidemie di dengue si sono verificate in solo 9 Paesi del Mondo. Oggi si contano episodi di dengue in 100 Nazioni diverse, specie in Africa, le Americhe, l’est del Mediterraneo, nel Sud-est asiatico e nei Paesi del Pacifico occidentale.

 

Tags

Articoli correlati