Scienza

Elon Musk lancia ‘Neuralink’, chip impiantato nel cervello e collegato a un computer. Ecco di cosa si tratta

L'ultima sfida lanciata dal fondatore di Tesla si candida a lottare contro paralisi e malattie del cervello

Elon Musk lancia una nuova sfida: un chip impiantato nel cervello e collegato a un computer. Il fondatore di Tesla lo ha chiamato ‘Neuralink’, in pratica un dispositivo in grado di controllare il cervello umano tramite lo smartphone. L’azienda di Musk ha già ideato una prima versione di un sensore dotato di elettrodi, più o meno del diametro di un cappello, pronto per essere impiantato nel cervello tramite un’incisione praticata da un robot.

Sostanzialmente si tratterà di un microchip in grado di sviluppare la memoria e riparare funzioni motorie compromesse. Da qui la speranza di poterlo un giorno utilizzare nell’ambito della lotta alla paralisi e delle malattie del cervello. Tuttavia, almeno inizialmente, l’obiettivo sarà quello di rendere il portatore in grado di controllare il telefono con il solo utilizzo del “pensiero” ma anche quello di accrescere le proprie capacità di calcolo. Non è tutto perché sembra che alcune prove verranno fatte entro il 2020, anche se non è dato sapere su chi.

Tags

Articoli correlati