Primo PianoScienza

La sonda Insight è atterrata sul suolo di Marte

Applausi ed emozione dal Jet Propulsion Laboratory della Nasa. La sonda ha già inviato la prima foto

Insight è riuscita ad atterrare su Marte. E’ dunque arrivato il segnale, uno squillo singolo, che tutto il mondo ha atteso con grande emozione. La sonda della Nasa ha inviato il segnale accolto con un’ovazione al Jet Propulsion Laboratory di Pasadena, insieme ad una foto. La discesa è durata sette minuti durante i quali la sonda Insight è riuscita ad effettuare una frenata da quasi 20.000 a soli 8 km/h. Nelle prossime ore dispiegherà i pannelli fotovoltaici e comincerà a esplorare il pianeta. Si tratta del 15esimo veicolo a toccare il suolo marziano a partire dal 1971, quando su Marte si era posato il sovietico Mars 2, distrutto però durante la discesa. La sonda della Nasa è arrivata a destinazione dopo sette mesi di viaggio interplanetario.

La sonda inizierà a breve le operazioni di studio e esplorazione del sottosuolo. Fondamentale sarà l’apertura dei pannelli solari che permetteranno al veicolo di avere energia per tutta la durata della missione. Una sonda misurerà la temperatura fino alla profondità di cinque metri e potrà rivelare in questo modo se all’interno di Marte esista una forma di calore. Questo potrebbe significare che l’acqua scoperta nel luglio scorso sotto i ghiacci del Polo Sud marziano potrebbe essere più calda di quanto si pensi.

Dopo l’atterraggio, accolto con un fragoroso applauso dagli scienziati del centro di controllo della missione, nel Jet Propulsion Laboratory (Jpl) della Nasa, Insight ha inviato le prime foto: prima un panorama del suolo marziano costellato da polveri, poi un’altra più definita e ampia.

Tags

Articoli correlati