AmbienteCronacaPrimo Piano

Amazzonia, Bolsonaro cede: «ok all’invio dell’esercito». Le vere motivazioni della sua mossa

La mossa del presidente brasiliano non è finalizzata alla salvaguardia del polmone della Terra

Il presidente del Brasile, Jair Bolsonaro, ha firmato un decreto che autorizza l’uso delle forze armate per combattere gli incendi che stanno devastando l’Amazzonia. Il decreto si applica sulle aree di frontiera, le terre indigene, le unità federali di conservazione ambientale e altre zone dell’Amazzonia legale, che copre gli stati di Acre, Amapá, Amazonas, Pará, Rondônia, Roraima e parte degli stati del Mato Grosso, Tocantins e Maranhao.

Negli ultimi giorni Bolsonaro ha subito molte pressioni a livello internazionale.
Secondo la Bbc, la mossa del presidente non sarebbe dettata da una volontà di salvaguardare il polmone verde della Terra, quanto piuttosto dalle minacce avanzate dalla comunità internazionale: alcuni stati hanno parlato di possibili sanzioni economiche nel caso in cui il presidente non avesse agito per contrastare gli incendi in Amazzonia.

Tags

Articoli correlati