ItaliaVideo

Terremoto L’Aquila: 10 anni fa la tragedia

Dopo uno sciame sismico durato mesi, alle 3:32 del 6 aprile 2009 la scossa più forte provoca una catastrofe

Nel pieno della notte di lunedì 6 aprile 2009 L’Aquila viene colpita da una violenta serie di scosse di terremoto. La più forte, alle 3:32, ha una magnitudo di 6.3. La catastrofe sorprende nel sonno gli abitanti della città, rade al suolo case, ospedali, monumenti, università. Il bilancio sembra un bollettino di guerra: muoiono 309 persone, 1.600 restano ferite, gli sfollati sono 70.000.

Terremoto L'Aquila
Foto ANSA

L’epicentro del sisma viene individuato a 8 km di profondità, a circa un chilometro di distanza dal centro dell’Aquila. Tutto il Centro Italia continua a tremare e si registrano quasi 300 scosse in sole 48 ore. La macchina dei soccorsi si mette in moto immediatamente: Vigili del Fuoco e Protezione Civile lavorano senza sosta per ore, giorni, e arrivano volontari da tutta Italia. I soccorritori riescono a estrarre numerosi superstiti dalle macerie. Tra loro anche una studentessa salvata dopo 23 ore, un’anziana di 98 anni trovata viva dopo 30 ore e una ragazza di 21 anni, estratta viva dalle macerie dopo un incubo durato 42 ore.

Terremoto L'Aquila
Foto ANSA

Nei primi mesi dopo il sisma gli sfollati che hanno deciso di rimanere all’Aquila vengono sistemati in tendopoli. Altri sfollati vengono ospitati negli alberghi della costa, altri trovano ospitalità presso amici e parenti. Vengono poi costruite le cosiddette new town, 19 quartieri di case antisismiche che vengono consegnate ai terremotati. La ricostruzione va avanti ancora oggi, ma molti sono ancora in attesa di riavere la propria casa.
La zona rossa, istituita subito dopo il sisma, in base a un’ordinanza del marzo 2019 è ancora attiva in alcune aree della città in cui “non sussistono condizioni di sicurezza per la pubblica utilità ed è, pertanto, individuata quale area ove evitare l’accesso indiscriminato di persone se non previa debita autorizzazione ed adozione di opportuni accorgimenti e precauzioni”.

Terremoto L'Aquila
Crediti: comune.laquila.it

 

Tags

Articoli correlati