ItaliaSport

Superga, sono trascorsi 70 anni dalla tragedia che colpì il Grande Torino

Era il 4 maggio 1949 quando l'aereo con a bordo il Grande Torino si schiantò sulla collina torinese

Sono trascorsi 70 anni dalla terribile tragedia di Superga, l’incidente aereo in cui, il 4 maggio 1949, persero la vita i componenti della squadra del Grande Torino, in cui giocava quasi tutta la Nazionale Italiana e che in quegli anni vinse cinque scudetti consecutivi.
L’aereo su cui volavano al ritorno da Lisbona si schiantò contro il muraglione del terrapieno dietro la basilica di Superga, sulla collina torinese, alle 17:03 del 4 maggio. Morirono 31 persone, tutte quelle che erano a bordo.
Nella tragedia morirono i giocatori Valerio Bacigalupo, Aldo Ballarin, Dino Ballarin, Emile Bongiorni, Eusebio Castigliano, Rubens Fadini, Roger Revelli Grava, Giuseppe Grezar, Ezio Loik, Virgilio Romualdo Maroso, Danilo Martelli, Valentino Mazzola, Romeo Menti, Piero Operto, Franco Ossola, Mario Rigamonti, Julius Schubert.
Oltre ai 18 giocatori, persero la vita i membri dell’equipaggio, gli allenatori Egri Erbstein, Leslie Lievesley e Ottavio Cortina, i dirigenti Egidio Agnisetta, Ippolito Civalleri, Andrea Bonaiuti e i giornalisti Renato Casalbore, Renato Tosatti e Luigi Cavallero.

Oggi le celebrazioni si apriranno alle 10, presso il Cimitero Monumentale, dove avrà luogo il ricordo ufficiale del Grande Torino con la deposizione di corone commemorative da parte dei dirigenti granata. Alle 15.30 la messa sarà celebrata nel Duomo di Torino e, causa lavori, non nella Basilica che domina la città. La salita al Colle avverrà intorno alle ore 17, per la lettura dei nomi di tutti i caduti.

Redatto da Valeria Capettini

Tags

Articoli correlati