Italia

Presepe: “non farlo per rispetto dei poveri”. La provocazione di don Luca Favarin

Per il parroco "ci vuole una coerenza umana e psicologica. Applaudire il decreto sicurezza di Salvini e mettere il presepio è schizofrenia pura".

Ha invitato i sostenitori del decreto sicurezza a evitare di fare il presepe, affidando a Facebook la sua provocazione, don Luca Favarin. Il parroco, che a Padova gestisce nove comunità e aiuta 140 ragazzi africani, ha scritto che crede che quest’anno non fare il presepe sia “il più evangelico dei segni. Non farlo per rispetto del Vangelo e dei suoi valori, non farlo per rispetto dei poveri”.
Sul profilo Facebook del sacerdote le risposte degli utenti sono state, in molti casi, dure. Nelle ultime ore don Luca ha ricevuto critiche anche dal mondo della politica, in particolare da esponenti della Lega. Secondo Andrea Ostellari (Lega): “Cristo non ha cambiato la storia perché è stato il più coerente o caritatevole degli uomini, ma perché ha vinto la morte e portato su di sé i peccati di tutti. Don Favarin faccia come crede.Io sono ipocrita? Forse, ma Cristo è nato anche per me. Quindi farò il presepe”.

Tags

Articoli correlati