Politica

Verona, un feto di gomma come gadget al Congresso della Famiglia

Il ministro Grillo: il congresso è una manifestazione di estrema destra

Tra i gadget del Congresso mondiale delle Famiglie in corso Verona c’è anche un feto di gomma che rappresenta un embrione di dieci settimane. Il feto è accompagnato da un cartellino con la scritta: ‘L’aborto ferma un cuore che batte!’ ed è donato da uno degli sponsor, notizieprovita.

Il ministro della Salute Giulia Grillo ha descritto la manifestazione come “fortemente ideologizzata, chiaramente di estrema destra“. Grillo ha citato come esempio il paragone choc utilizzato da “alcuni relatori” secondo cui l’omosessualità sarebbe paragonabile “al satanismo”: “è ai limiti del ridicolo ed è ovviamente priva di qualsiasi fondamento scientifico”, ha commentato il ministro.
Riguardo all’aborto, Grillo ha aggiunto che non è negando questa libertà di scelta delle donne che “si favorisce la natalità in questo Paese, noi donne abbiamo bisogno di essere aiutate soprattutto nel mondo del lavoro e durante la maternità, dopo aver avuto un figlio e possibilmente avere degli aiuti sociali oltre che economici. Anche perché – evidenzia il ministro – crescere un figlio molto spesso porta una donna a scegliere tra lavoro e famiglia”.

Una senatrice pentastellata, però, si è presentata oggi a sorpresa sul palco del Congresso di Verona, “violando” il diniego alla partecipazione all’incontro pronunciato nei giorni scorsi dal vicepremier Di Maio.
“Non è stato facile venire qui – ha spiegato la senatrice M5S Tiziana Drago – e voglio dire che è stata una scelta personale. Il M5s non è una realtà politica legata solo alle dichiarazioni di questi giorni, ci sono anche senatori e deputati che hanno apertura verso la famiglia tradizionale. Bisogna tutelare i diritti di tutti, e quelli dei bambini vanno al primo posto”.

Tags

Articoli correlati