Politica

Suicidio assistito, ecco quando non è reato

Depositati motivi sentenza Corte costituzionale su fine vita

Non è punibile chi aiuta al suicidio “una persona tenuta in vita da trattamenti di sostegno vitale e affetta da una patologia irreversibile, fonte di intollerabili sofferenze fisiche o psicologiche, ma che resta pienamente capace di prendere decisioni libere e consapevoli”. Ma a determinate condizioni, a partire da una “procedura medicalizzata”. E la verifica delle condizioni richieste deve essere compiuta da una struttura pubblica del Servizio sanitario nazionale.

Così la Consulta nelle motivazioni della sentenza sul fine vita. La Corte si è pronunciata sul punto su richiesta dei giudici milanesi del processo a Marco Cappato che aveva accompagnato in Svizzera il Dj Fabo per il suicidio assistito. (ANSA)

Tags

Articoli correlati