PoliticaPrimo Piano

Scontro aperto M5s-Lega. Di Maio attacca su province e caso Siri

Le parole di Di Maio alla presentazione del programma del M5s per le Europee

Ancora polemiche all’interno del governo gialloverde. Luigi di Maio torna all’attacco sul tema delle province e del caso Siri a margine della presentazione del programma del M5s per le Europee. “Le province sono uno spreco di soldi pubblici. Chi le rivuole si cerchi un altro alleato”. E sul caso del sottosegretario leghista indagato per corruzione insiste: “Sulla questione morale il Movimento non arretra: comunque si chiami il sottosegretario da noi le regole si rispettano, che tu sia del Movimento o del partito alleato. Questo deve essere chiaro”.

La polemica si sposta poi sul salario minimo. “Il salario minimo è nei programmi di Lega e Pd: mi devono spiegare perché non lo vogliono votare”. Così Luigi Di Maio presentando il programma europeo del M5S. “Non credo che la Lega arriverà a tanto anche perché il salario minimo, che mi chiedono le imprese per evitare il dumping, era nel contratto di governo”, ha aggiunto il vicepremier e ministro del Lavoro.

Tags

Articoli correlati