Politica

Riace, il sindaco Trifoli non poteva essere eletto: le motivazioni

I vigili urbani non possono candidarsi nel comune in cui svolgono le proprie mansioni: ecco cosa potrebbe succedere adesso

Il sindaco di Riace Antonio Trifoli è stato eletto dopo Mimmo Lucano nell’ex borgo dell’accoglienza, ma è stato dichiarato ineleggibile. Lo afferma il ministero dell’Interno, in un parere che la Prefettura ha già trasmesso all’amministrazione, scrive Repubblica, perché l’organo consiliare valuti il caso.

Il neosindaco di Riace è ineleggibile perché, prima di chiedere l’aspettativa per motivi elettorali, era un vigile urbano che lavorava proprio nel borgo: secondo il Testo Unico sugli enti locali i vigili urbani non possono candidarsi nel comune in cui svolgono le proprie mansioni. Trifoli inoltre era dipendente a tempo determinato e quindi non aveva nemmeno diritto ad accedere all’aspettativa.

La prossima mossa spetta al Consiglio comunale, che dovrà decidere il futuro del sindaco di Riace: è possibile fare ricorso per cercare di prolungare il suo mandato, oppure prendere atto della sua ineleggibilità e far cadere l’amministrazione.

Tags

Articoli correlati