Politica

Rampelli (FdI), serve ministero ad hoc per il mare

ROMA, 25 MAR – “Una Nazione che ha l’80% del territorio bagnato dal mare, e ha nella trasportistica marittima turistica e commerciale potenzialità sconfinate, cui si aggiungono itticoltura e mitilicoltura, pesca, ecologia del mare, balneazione, diportistica, sport acquatici, deve avere il ministero del Mare per trovare gli spazi che a oggi rischiamo di lasciare a partner europei o asiatici”. È quanto ha dichiarato il vicepresidente della Camera dei deputati Fabio Rampelli di Fratelli d’Italia al “Shipping 4.0: RoMare – Roma: capitale di un Paese marittimo?”, organizzato da Confitarma. “L’Italia – ha aggiunto Rampelli – è una piattaforma logistica naturale sul Mediterraneo e dunque dobbiamo attrezzare questa nostra qualità strategica. Fino ad ora abbiamo fatto molta fatica a intercettare quel traffico di merci che viene in particolare dall’Oriente e che, pur passando attraverso il Mediterraneo, bypassa i nostri porti per approdare nei porti del Nord Europa il cui sistema fiscale, infrastrutturale e logistico è molto più efficiente di quello italiano. Questa differenza dev’essere eliminata per poter gareggiare ad armi pari. È indispensabile realizzare infrastrutture tese a velocizzare il trasporto di queste merci: si tratta di investimenti e non di costi, perche’ avranno una ricaduta economica e sociale formidabile”. (ANSA).
(ANSA)

Articoli correlati