Politica

Quota 100: Letta, per noi è un errore, ma sentiamo Draghi

MILANO, 10 SET – Su Quota 100 “sentiremo cosa ne pensa il presidente del Consiglio Mario Draghi”. Così, a margine della sua visita al Salone del Mobile, che oggi chiude i battenti, nei padiglioni di Rho della Fiera di Milano, il segretario del Partito Democratico, Enrico Letta ha espresso il suo parere sulla richiesta di Matteo Salvini di non cancellare il provvedimento bandiera della Lega nel governo Conte Uno. “Noi siamo d’accordo sul fatto che su questo tema si siano fatti degli errori profondi in passato e noi non crediamo che sia la strada giusta – ha aggiunto il numero uno Dem -. Salvini su questi temi fa campagna elettorale permanente perché sa che questa cosa non è possibile, ma noi siamo seri e cerchiamo di dire le cose che si possono fare e non quelle che non si possono fare. La differenza tra chi sta in questo governo con serietà e chi ci sta con la propaganda continua”. A proposito, invece, del suo rapporto con il premier Draghi, Letta ha commentato: “A differenza di Salvini, io ogni volta che parlo con il presidente del consiglio non metto i manifesti ai muri. Parlo normalmente, come è naturale che sia, con il premier e con i ministri, senza bisogno di fare manifesti. Il colloquio è continuo e anche molto proficuo”. (ANSA).
(ANSA)

Articoli correlati