PoliticaPrimo Piano

Concluso l’incontro a Montecitorio: il Pd chiede chiarezza ai 5 stelle

Per il Pd i 5 stelle devono «sciogliere ogni ambiguità», i pentastellati chiedono garanzie sul taglio dei parlamentari

Si è concluso dopo  quasi due ore il tavolo di confronto sul governo tra le delegazioni Pd e Movimento 5 stelle a Montecitorio. I capigruppo Dem e quelli pentastellati si sono incontrati nella sala Siani: non c’erano Di Maio e Zingaretti. Entrambi i gruppi hanno descritto come positivo e costruttivo il clima del confronto.

La delegazione del Partito Democratico ha detto che sono emerse convergenze su diversi aspetti e che l’incontro di oggi sembra rappresentare «un buon inizio», ma ha anche chiesto ai 5 Stelle di «sciogliere ogni forma di ambiguità» confermando che quella con i Dem rappresenta «l’unica strada possibile per il prosieguo della legislatura».

Anche la delegazione del Movimento 5 Stelle ha confermato che non ci sono «problemi insormontabili», ma ha chiesto garanzie sul taglio dei parlamentari. Rispondendo alle domande dei giornalisti su un eventuale dialogo con la Lega, D’Uva ha detto che i 5 stelle non stanno portando avanti trattative con forze politiche diverse dal Pd.

 

Tutti gli aggiornamenti in tempo reale:

Ore 16:05

Dopo la riunione uno dei membri della delegazione Pd ha inviato un messaggio SMS dicendo che non ci sono «problemi insormontabili». Da fonti 5 Stelle filtra che il punto cardine delle trattative è per loro quello del taglio dei parlamentari. Il Pd, invece, spingerebbe soprattutto su un governo «di svolta».

Ore 16:10

È uscita la delegazione del Pd, che ai giornalisti ha parlato di un «Clima costruttivo e che giudichiamo positivamente».

«Abbiamo posto come precondizione il tema di sciogliere ogni forma di ambiguità. Deve esserci una risposta chiara sul fatto che questa è l’unica strada possibile per il prosieguo della legislatura», ha detto Orlando.
Delrio ha aggiunto: «abbiamo registrato un’ampia convergenza sull’agenda sociale e sull’agenda ambientale. È davvero un buon inizio».

Ore 16:15

Siamo ancora in attesa dell’uscita dei capigruppo pentastellati.
Fonti del Movimento 5 Stelle hanno fatto sapere che «C’è stato un clima costruttivo» e hanno ribadito che «.Il M5S ha posto sul tavolo il taglio dei 345 parlamentari, per noi è un punto fondamentale e propedeutico. Servono garanzie su questo aspetto».

Ore 16:57

La delegazione del Movimento 5 stelle è uscita da Montecitorio.
Anche D’Uva ha detto che quello con la delegazione Dem «è stato un confronto costruttivo» e che «abbiamo chiesto garanzie sul taglio dei parlamentari. Adesso vedremo come procedere».

Interrogato dai giornalisti, D’Uva non ha negato la volontà dei 5 stelle di confrontarsi con la Lega, ma ha detto che «non abbiamo altri tavoli, altri confronti, con altre forze politiche».
I rappresentanti pentastellati hanno detto che per il momento non c’è una data per un prossimo incontro e che non sanno se e quando si incontreranno i rappresentanti dei due schieramenti politici. Hanno confermato che, nonostante alcune questioni siano ancora da chiarire, «non ci sono ostacoli insormontabili».

Tags

Articoli correlati