Politica

Omofobia:nessun accordo su ddl,Lega voterà no incardinamento

ROMA, 21 APR – E’ ancora stallo sul disegno di legge contro l’omotransfobia, fermo nella commissione Giustizia del Senato. Nessun accordo è stato raggiunto fra i capigruppo della maggioranza che sostiene il governo e che si sono incontrati nel pomeriggio. A chiedere la calendarizzazione del provvedimento sono Pd-M5s-Leu e Italia viva. Resta contraria la Lega. A questo punto è probabile che i favorevoli chiederanno nuovamente l’avvio della discussione nella commissione, che dovrebbe riunirsi la prossima settimana. “Noi voteremo contro quella richiesta – ha ribadito Massimiliano Romeo, capogruppo leghista al Senato – Se si spaccherà la maggioranza, ognuno se ne assumerà la responsabilità”. Ma ha aggiunto di aver proposto, durante la riunione, di azzerare la polemica sul cosiddetto ddl Zan e “presentare un nuovo disegno di legge sui diritti civili, che aumenti le pene per chi discrimina non solo per via dell’orientamento sessuale, e senza i riferimenti alla fluidità di genere, ai reati di opinione e alle scuole. Ho detto: facciamo un nuovo ddl firmato da tutti e in tre settimane diventa legge. Questa è la soluzione per uscirne, ma ci è stato risposto di no perché ‘bisogna andare avanti con il ddl Zan'”. (ANSA).
(ANSA)

Articoli correlati