Politica

Migranti: l’Unhcr chiede all’Italia di rivedere il decreto sicurezza

«Salvare vite umane è un obbligo»: il monito dell'Agenzia delle Nazioni Unite per i Rifugiati

Il decreto sicurezza bis «penalizzerebbe i soccorsi in mare» dei migranti: lo afferma l’Unhcr, l’Agenzia delle Nazioni Unite per i Rifugiati, che chiede al governo italiano di «rivedere il decreto e al parlamento di modificarlo, mettendo al centro la protezione dei rifugiati ed il salvataggio di vite umane».
Il decreto contiene «diverse disposizioni che potrebbero penalizzare i soccorsi in mare di rifugiati e migranti nel Mediterraneo centrale – spiega l’Unhcr -, compresa l’introduzione di sanzioni finanziarie per le navi delle Ong ed altre navi private impegnate nel soccorso in mare. Salvare vite umane costituisce un imperativo umanitario consolidato ed è anche un obbligo derivante dal diritto internazionale. Nessuna nave o nessun comandante dovrebbe essere esposto a sanzioni per aver soccorso imbarcazioni in difficoltà e laddove esista il rischio imminente di perdita di vite umane». Per l’Unhcr “nessuno dovrebbe essere riportato in Libia”.

Tags

Articoli correlati