PoliticaPrimo Piano

Manovra in Aula: le opposizioni abbandonano la conferenza dei capigruppo

"Posso aumentare i tempi degli interventi", ha detto Fico, ma "questa legge di Bilancio non può per me arrivare al presidente della Repubblica il primo gennaio"

I rappresentanti delle opposizioni hanno abbandonato la conferenza dei capigruppo convocata dal presidente della Camera Roberto Fico dopo la sospensione della seduta sulla manovra. Il loro è un gesto di protesta nei confronti del presidente, che non ha fatto votare la richiesta di sospensione dell’Aula.
“Fico non ha fatto votare la sospensione perché mancava la maggioranza”, dice il capogruppo del Pd Graziano Delrio. Che protesta: “Il presidente della Camera deve essere soggetto di garanzia e non di parte. L’opposizione è stata umiliata”.
Mariastella Gelmini di Forza Italia ha aggiunto: “Noi abbiamo rispetto per Fico, ma lui deve avere rispetto per l’opposizione. Venga in Aula a spiegare il suo comportamento”.

Il presidente della Camera si è detto favorevole a un aumento dei tempi degli interventi sulla manovra, ma ha ricordato che il 31 dicembre si avvicina: “Posso aumentare i tempi degli interventi – ha affermato Fico – ma nella consapevolezza che il 31 dicembre si avvicina e che questa legge di Bilancio non può per me arrivare al presidente della Repubblica il primo gennaio“.

Tags

Articoli correlati