Politica

Maggioranza si spacca, niente voto su presunzione di innocenza

ROMA, 13 OTT – La maggioranza si spacca, a quanto si apprende, in Commissione Giustizia della Camera ed evita il voto sul parere al decreto legislativo del governo che recepisce le norme europee sulla presunzione di innocenza. A favore del parere predisposto da Enrico Costa (Azione), che chiedeva di implementare le misure, tutto il centrodestra, Italia Viva e il Misto, contrari M5s, Pd e Leu che però sarebbero stati battuti. Il presidente della Commissione Giustizia, Mario Perantoni (M5s), dato l’inizio dell’Aula, ha rinviato il voto di una settimana. Il decreto legislativo recepisce alcune norme Europee sulla presunzione di innocenza, introducendo una serie di norme nell’ordinamento italiano. Tra esse l’obbligo dei Pm di comunicare con la stampa attraverso comunicati ufficiali e solo “in circostanze eccezionali” tramite conferenze stampa. Inoltre nelle inchieste devono essere usati vocaboli che non inducano a considerare colpevole l’indagato, evitando anche di dare titoli alle inchieste che inducano questa convinzione nell’opinione pubblica. Inoltre il diritto dell’imputato a non rispondere alle domande non deve essere considerato prova della sua colpevolezza. (ANSA).

(ANSA)

Articoli correlati