Politica

Lettera Burzi, “io innocente, questa mia protesta più forte”

TORINO, 30 DIC – Angelo Burzi era “certo di essere totalmente innocente”. Lo scrive ad alcuni amici poco prima di suicidarsi, la notte di Natale. “La fine della storia” è l’oggetto della mail di cui ANSA ha preso visione, in cui ripercorre la vicenda Rimborsopoli e la condanna in appello per peculato a tre anni. “Non sono più in grado di tollerare ulteriormente la sofferenza, l’ansia, l’angoscia che in questi anni ho generato oltre che a me stesso anche nelle persone che mi sono più care”, scrive l’ex consigliere e assessore regionale. “Esprimo la mia protesta più forte interrompendo il gioco, abbandonando il campo in modo definitivo”. “Serve fare un non esaustivo elenco dei personaggi che maggiormente hanno contraddistinto in maniera negativa questo mia vicenda in quasi dieci anni – è un passaggio della lunga mail -. Dapprima i giudici del primo processo d’appello, i quali, con una sentenza che definire iniqua e politicamente violenta è molto poco, azzerarono la sentenza di primo grado che mi vide assolto per insussistenza del fatto dopo due anni di dibattimento in aula. Poi l’uomo nero, il vero cattivo della storia, il sostituto procuratore che dall’inizio perseguì la sua logica colpevolista, direi politicamente colpevolista”. (ANSA).
(ANSA)

Articoli correlati