Politica

Ires no profit, mea culpa di Conte: “quando si commette un errore bisogna ammetterlo”

Era sembrata una soluzione plausibile nella concitazione del rush finale della trattativa con Bruxelles

Quella dell’Ires, ha detto il presidente del Consiglio Giuseppe Conte nel corso della conferenza stampa di fine anno, è una misura che “è stata introdotta da ultimo nel disegno riformatore laddove era in corso, ormai in fase avanzata, il negoziato con Bruxelles.
Nella concitazione del “rush finale” della trattativa con l’Europa, ha spiegato il premier, è sembrato che questa fosse una soluzione plausibile, e che fosse possibile compensare con altre misure. Il presidente del Consiglio ha spiegato che al momento non è possibile modificare la norma sull’Ires prevista dalla manovra ma, con i vicepresidenti Di Maio e Salvini, da gennaio sarà possibile cambiare la normativa. “Fin da gennaio incontreremo il forum del terzo settore” ha detto il premier, assicurando: “cercheremo di definire e calibrare meglio un intervento in questa direzione“.

Il premier ha chiuso l’intervento riguardante l’Ires agli enti no profit con un mea culpaMi assumo io personalmente le responsabilità – ha affermato – quando c’è un errore lo si ammette”.

Tags

Articoli correlati