Politica

Insulti sessisti alla ministra De Micheli, poi l’esponente di Casapound cancella il post

Dopo la valanga di insulti e critiche che si è rovesciata sulla collega Bellanova, a finire nel mirino è stata la ministra delle Infrastrutture Paola De Micheli. Una sua fotografia è stata pubblicata da un esponente del movimento neofascista Casapound, Andrea Cpi, che ha scritto: «il ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti… appena staccato dal turno sulla Salaria», facendo riferimento alla strada di Roma su cui sono solite esercitare le prostitute. Ennesimo atto di sessismo nei confronti delle donne in politica, il post ha scatenato molte polemiche e poi è stato rimosso dall’autore.

Ma lo screenshot è ormai ovunque e in molti si sono schierati dalla parte di De Micheli esprimendo la propria solidarietà. A partire dal segretario del suo partito, Nicola Zingaretti, che su Twitter ha scritto: «Si torna ad insultare una donna perché fa politica in modo autonomo. E questo si combatte schierandosi e isolando i vigliacchi. Sempre».

«Ancora insulti sessisti nei confronti di una donna che rappresenta il Paese e serve le Istituzioni. Piena solidarietà a Paola De Micheli. La volgarità e l’ignoranza degli attacchi non scalfiranno il suo e nostro lavoro. Sconfiggere l’odio diffuso nella rete è una nostra priorità» ha twittato la ministra alla Famiglia e pari opportunità Elena Bonetti.

Tags

Articoli correlati