Politica

Caso Ream, chiesti 14 mesi per Appendino

TORINO, 6 FEB – La Procura di Torino ha chiesto la condanna a un anno e due mesi di carcere per la sindaca Chiara Appendino al processo per il caso Ream. L’imputazione è falso e abuso. Il procedimento si celebra col rito abbreviato. Un anno e due mesi è stata anche la richiesta per l’assessore al Bilancio, Sergio Rolando. Un anno, invece, è stata la proposta per Paolo Giordana, all’epoca dei fatti capo di gabinetto. Per il dirigente Paolo Lubbia, che ha scelto il rito ordinario, è stata ribadita la richiesta di rinvio a giudizio. “Sono stata qui solo per ascoltare la pubblica accusa. Era giusto esserci”, si è limitata a dire Appendino lasciando il Palazzo di Giustizia. “Restiamo convinti delle nostre tesi. Le esporremo al giudice delle prossime udienze”, ha commentato l’avvocato Luigi Chiappero, difensore della sindaca.
(ANSA)

Articoli correlati