Italia

Fiumicino, continua la “guerra” tra arte e svastiche

Per le strade della città sono comparse le riproduzioni di celebri opere d'arte

A Fiumicino non si lasciano intimorire le mani anonime che aveva coperto svastiche e simboli del nazismo con poesie e sonetti che sono stati a loro volta strappati e coperti con altri simboli dell’odio nazista. E dopo le poesie arrivano le opere d’arte: dalla “Primavera” di Botticelli alla “Crocifissione di San Pietro” di Caravaggio, passando per Pellizza da Volpedo, Modigliani, Dalì, Kimt, Van Gogh, Magritte e altri ancora. Con un nuovo colpo di scena, le opere dei celebri artisti sono comparse sui muri della città sul litorale romano.

Tags

Articoli correlati