Italia

Domenica 25 novembre la Giornata contro la violenza sulle Donne

Istat: più di 6 milioni e mezzo di donne hanno subito una forma di violenza fisica nel corso della propria vita. Le forme più gravi di violenza da partner, parenti o amici

Domenica 25 novembre si celebra la Giornata Mondiale contro la Violenza sulle Donne,  ricorrenza istituita dall’Assemblea generale delle Nazioni Unite. Si tratta di un’occasione per riflettere su questa piaga sociale, una delle maggiori violazioni dei diritti umani a livello mondiale. Da una ricerca Istat emerge che sono 6 milioni e 788 mila le donne che nel corso della propria vita hanno subito una forma di violenza sessuale o fisica. 652 mila hanno subito uno stupro, mentre 746 mila sono sfuggite ad un tentativo di violenza. Il 62,7% degli stupri, non a caso, viene commesso proprio dal compagno attuale o da quello precedente. Mentre le molestie sessuali solitamente sono opera di sconosciuti nel 76,8% dei casi.

Violenza fisica o sessuale. Fonte Istat


Le forme più gravi di violenza sono esercitate da partner, parenti o amici.
Gli stupri sono stati commessi nel 62,7% dei casi da partner, nel 3,6% da parenti e nel 9,4% da amici.

Oltre alla violenza fisica o sessuale le donne con un partner subiscono anche violenza psicologica ed economica. Nel 2014 sono il 26,4% le donne che hanno subito violenza psicologica o economica dal partner attuale e il 46,1% da parte di un ex partner.
Un focus particolare anche agli atti persecutori, o di stalking. Si stima che il 21,5% delle donne fra i 16 e i 70 anni (pari a 2 milioni 151 mila) abbia subito comportamenti persecutori da parte di un ex partner nell’arco della propria vita. Se si considerano le donne che hanno subito più volte gli atti persecutori queste sono il 15,3%.

Violenza psicologica. Fonte Istat

Il dato più impressionante riguarda l’età in cui le donne sperimentano per la prima volta la violenza. Il 10,6% delle intervistate ha subito una molestia sessuale prima di aver compiuto 16 anni. Non solo: sono i bambini le maggiori vittime della violenza domestica, nel 65,2% dei casi infatti i figli sono presenti mentre la madre viene picchiata, vessata o violentata.

Tags

Articoli correlati