CronacaEsteriPrimo PianoVideo

VIDEO: Guaidò pronto oggi a un ritorno massiccio nelle strade. Morto un 24enne ad Aragua

Si aggrava intanto il bilancio degli scontri. L'autoproclamato presidente: "Maduro non gode del rispetto delle Forze armate"

Il bilancio degli scontri in Venezuela si aggrava. Un 24enne morto ad Aragua. Il giovane è deceduto nel corso delle proteste scoppiate durante il tentativo da parte del leader dell’opposizione, Juan Guaidò, di rovesciare il governo del presidente Nicolas Maduro. A riferirlo è l’Ong Provea. Nella rivolta sono rimaste ferite finora 95 persone, 26 ad Aragua e 69 Chacao, nello stato di Miranda, uno dei cinque Comuni del Distretto metropolitano di Caracas. In base a quanto riportato dalla Ong, il giovane ucciso si chiamava Samuel Enrique Mendez. L’Ong ha aggiunto che le proteste contro la presidenza di Maduro si sono diffuse in 28 stati e le vittime, dal 2013 quando Maduro è stato eletto per la prima volta ad oggi, sono 271.

Intanto Guaidò, invitando i venezuelani a scendere in piazza oggi nell’ambito della “fase definitiva della Operazione libertà”, afferma che “sapevamo che l’inizio non sarebbe stato facile entrare in azione, ma abbiamo dimostrato che ci sono soldati disposti a difendere la Costituzione”. Assicura quindi che Maduro “non gode del rispetto delle Forze armate”. In base a fonti certe, dice, “l’Urupatore aveva tutto pronto per andarsene, e che sono state forze straniere che lo hanno obbligato a restare. Oggi non ha fatto altro che nascondersi”. Conclude quindi: “Abbiamo cominciato ieri, ed oggi torneremo di nuovo in forma sostenuta nelle strade fino a mettere fine all’usurpazione”.

Tags

Articoli correlati