Cronaca

Vicenza, maestra elementare indagata per baci e tenerezze con alunno di 10 anni

La donna, una maestra di 40 anni si dice estranea ai fatti. La denuncia è partita dai genitori del bambino

Vicenza – Una maestra di scuola elementare è stata iscritta nel registro degli indagati a causa di qualche tenerezza di troppo e qualche messaggino equivoco con un alunno di 10 anni. La donna, una 40enne, è accusata dalla Procura di tentata violenza sessuale su minorenne, nella forma delle molestie. Sono stati i genitori a denunciare il fatto dopo aver trovato quegli sms sul cellulare del figlio. La vicenda risale allo scorso anno scolastico, ora il ragazzino è alle scuole medie e non ha più avuto contatti con l’insegnante. La pm Barbara de Munari ha deciso di aprire un fascicolo, nonostante né Procura né scuola abbiano preso alcun provvedimento nei confronti dell’insegnante, molto apprezzata da alunni e colleghi.

A insospettire i genitori del bambino sono stati alcuni messaggi dove la maestra chiamava il bambino “amore mio” e l’imbarazzo dello stesso di fronte all’insegnante. I genitori hanno dunque incalzato il figlio per cercare di capire e questo avrebbe detto di aver ricevuto dalla donna due baci troppo vicini alle labbra. Da qui è partita la denuncia ai carabinieri che hanno poi indagato a scuola, raccogliendo svariate testimonianze. La maestra si dice estranea ai fatti e molto turbata dalle accuse.

Tags

Articoli correlati