Cronaca

Trieste, turista multato perché dormiva su amaca. Flash mob di protesta

Lo sfortunato turista dovrà pagare una multa da 300 euro

Trieste – Un turista è stato multato a Trieste perché dormiva su un’amaca nella pineta di Barcola, tra i luoghi più frequentati dai triestini per andare al mare. La Polizia Locale ha inflitto allo sfortunato turista una multa di 300 euro. Immediata la risposta della città che ha già organizzato per domani un flash mob chiamato “Amache libere”.

«Abbiamo applicato il regolamento comunale» sul verde pubblico. E’ quanto afferma all’ANSA il comandante del Corpo di Polizia locale di Trieste, Walter Milocchi, spiegando il motivo della sanzione comminata a un turista austriaco perché dormiva su un’amaca appesa tra due alberi a Barcola, luogo cult per i triestini per andare al mare. «Il Comune di Trieste – spiega Milocchi – come penso quasi tutti i Comuni italiani ha un regolamento a tutela del verde pubblico e, secondo questo, è vietato negli spazi verdi appendere agli alberi e agli arbusti strutture di qualsiasi genere». L’amaca su cui riposava il turista, precisa, «era a ridosso del marciapiede». «E’ stato quindi applicato il verbale». La sanzione prevista per questo tipo di violazione, ricorda, «va da un minimo di 150 euro a un massimo di 600» e, secondo le disposizioni di legge, gli agenti «hanno applicato una multa 300 euro».

Tags

Articoli correlati