Cronaca

Trieste, l’intervista al senzatetto le cui coperte erano state buttate

Il Piccolo di Trieste ha intervistato Mesej Mihaj, il senzatetto romeno che si è visto gettare in un cassonetto i pochi averi dal vicesindaco leghista Paolo Polidori

Il Piccolo, quotidiano online di Trieste, ha intervistato il senzatetto romeno Mesej Mihaj. Settimana scorsa il vicesindaco leghista della città, Paolo Polidori, aveva annunciato con orgoglio di aver gettato in un cassonetto gli “stracci” del senzatetto, generando molte polemiche e gesti di solidarietà nei confronti di Mihaj.
L’uomo ha raccontato di essere finito in strada dopo essere stato “buttato fuori da un centro di accoglienza”. “Dormo in strada – ha affermato il senzatetto – e non mi è mai successo niente, tante persone mi hanno aiutato: c’era chi portava cibo caldo, chi mi dava dei soldi”.
Adesso Mihaj si trova in un hotel vicino a Trieste, dove è stato accolto dalla comunità romena e dal suo presidente Andreescu Aurelian. Ha raccontato di essere arrivato in Italia negli anni ’90. È fuggito dalla Romania di Ceausescu e ha detto di avere chiesto più volte l’asilo politico, invano. Il 3 dicembre gli è arrivato un foglio di via dalla Polizia locale. Un obbligo al quale non ha ottemperato e che gli è costato una denuncia.

Tags

Articoli correlati