CronacaPrimo Piano

Torre Maura, non si placa protesta anti-nomadi. Ancora oltraggio al pane

Insulti, proteste e alta tensione nei pressi del centro di accoglienza dove sono stati accolti i nomadi

Torre Maura – Ancora una volta l’oltraggio al pane, ancora una volta gli insulti e le proteste. “Fino a quando non se ne saranno andati tutti, noi da qua non ci muoviamo”, ripetono come un mantra. A Torre Maura, periferia est di Roma, la tensione non accenna a placarsi. Decine di residenti, nonostante la pioggia, presidiano l’accesso del centro d’accoglienza dove sono ospitati i nomadi. Accanto a loro militanti di Casapound, impegnati in dirette social con i loro smartphone. “Ci sono tensioni sociali da sgonfiare”, è stata la presa di posizione del vicepremier Luigi Di Maio, mentre la sindaca Virginia Raggi ha definito “bestie” i militanti di Casapound e Forza Nuova. Quell’estrema destra che per i prossimi due giorni ha organizzato fiaccolate e manifestazioni nel quartiere. (ANSA)

Tags

Articoli correlati