CronacaPrimo PianoVideo

VIDEO – Torino, la confessione choc del killer dei Murazzi

"Ero triste, volevo uccidere", la confessione di Said Machaouat

Said Machaouat, 27enne di origine marocchine, è l’autore del delitto dei Murazzi: la mattina del 23 febbraio scorso a Torino ha ucciso il 34enne Stefano Leo sgozzandolo.
Nella notte Machaouat ha deciso di confessare il suo delitto: “Mi sentivo braccato dai carabinieri. Non volevo commettere altri guai”, ha spiegato. Secondo i primi accertamenti sembra che il giovane fosse depresso per la separazione dalla moglie e agli inquirenti ha spiegato di non conoscere la propria vittima: al momento dell’omicidio era triste e ha scelto di uccidere Stefano perché aveva più o meno la sua età.  “Ho scelto fra le tante persone che passavano di uccidere questo giovane perché si presentava con un’aria felice. E io non sopportavo la sua felicità“, ha detto agli inquirenti.
L’arma del delitto, un coltello da cucina nascosto in una cassetta dell’Enel e fatto ritrovare dal fermato, sarà inviata ai Ris di Parma per ulteriori accertamenti tecnici.

Tags

Articoli correlati