CronacaPrimo Piano

Omicidio a Torino: è caccia all’assassino, forse affetto da “follia a intermittenza”

I carabinieri stanno cercando un uomo tra i 30 e i 35 anni

Stefano Leo è stato ucciso sabato scorso a Torino, in pieno centro, con un taglio netto alla gola. Dall’autopsia disposta dal pm Ciro Santoriello ed eseguita questa mattina dal medico legale Roberto Testi, emerge che il taglio alla gola, realizzato con un coltello ben affilato, è stato letale per Stefano. Sul suo corpo non ci sono segni di difesa: per questo gli investigatori ipotizzano che l’aggressore lo abbia colto di sorpresa.

Dalle testimonianze raccolte, i carabinieri sono sulle tracce di un uomo fra i 30 e i 35 anni. Gli inquirenti ipotizzano che si tratti del gesto di una persona affetta da “follia a intermittenza”. L’omicida sarebbe stato visto fuggire dal luogo del delitto di corsa.

Tags

Articoli correlati