Cronaca

Strage di Viareggio, chiesti sconti di pena per i manager stranieri

Per il procuratore generale c'è la prescrizione

Il sostituto procuratore generale di Firenze Luciana Piras ha chiesto condanne scontate di 6 mesi per i manager tedeschi e austriaci imputati nel processo di appello per la strage ferroviaria di Viareggio dicendo che le diminuzioni sono dovute solo alla prescrizione, del maggio 2018, per i reati di incendio colposo e lesioni personali colpose.

Le condanne così riformulate vanno da 7 anni e 6 mesi a 8 anni e 10 mesi per 9 dirigenti di società estere del trasporto ferroviario. Piras ha pronunciato le sue richieste di condanna nella 1/a fase della requisitoria del processo di appello, dedicata alle posizioni degli imputati tedeschi e austriaci. La stessa requisitoria prosegue con il pm di Lucca Salvatore Giannino per quanto riguarda le altre posizioni, tra le quali quella dell’ex ad di Fs Mauro Moretti, previste altre 2 udienze. Per Piras “non si può non rilevare che fatti gravissimi come questi vengano cancellati dalla prescrizione come un colpo di spugna, e ciò lascia un forte senso di ingiustizia”. (ANSA)

Tags

Articoli correlati