CronacaPrimo Piano

Strage di Erba, Azouz Marzouk chiede la revisione della sentenza

Il marito e padre di due delle vittime più volte ha messo in dubbio la colpevolezza di Rosa Bazzi e Olindo Romano

Azouz Marzouk, tramite il suo legale Luca D’Auria, ha chiesto alla Procura generale di Milano di raccogliere elementi ai fini della revisione della sentenza di condanna all’ergastolo per la strage di Erba (quattro vittime e un ferito grave) l’11 dicembre del 2006, per la quale sono stati condannati Olindo Romano e Rosa Bazzi. Azouz, marito e padre di due delle vittime, in più interviste agli organi di stampa aveva messo in dubbio la colpevolezza della coppia, rea confessa che poi aveva ritrattato. (ANSA)

Marzouk – in un’intervista a “Telelombardia”, come riportato da “Adnkronos” – afferma: “Sono convinto che esiste un’altra storia. E anche le carte dicono chi è stato. Se leggete le carte si capisce chi è stato. La pista della ‘ndrangheta non c’entra niente, quella è una teoria che loro hanno voluto tirare fuori“. Secondo Marzouk i reali responsabili sono entrati a processo ”da testimoni. È una mia idea”. Questa cosa ”l’ho detta al mio avvocato. Parecchie cose non sono state fatte. Per esempio le indagini che dovevano essere fatte con tutti quanti… Le intercettazioni… Le telecamere che non ci sono, che non hanno preso, le telecamere che ci sono nelle vie… Dove c’è la banca di Roma e dove c’è l’altra via. Ci sono tutte telecamere lì vicino alla piazza. Non ne hanno neanche tirata fuori una. Tutti questi elementi non vi fanno pensare a nulla?“.

Tags

Articoli correlati