Cronaca

Razzismo, Salvini: “Vale più un operaio dell’Ilva che dieci Balotelli. No ai fenomeni”

L'ex ministro dell'Interno commenta così i due fatti principali di giornata

Caso Mario Balotelli, Matteo Salvini liquida l’episodio di razzismo del quale è rimasto vittima il centravanti del Brescia allo stadio “Bentegoni” di Verona. L’ex ministro dell’Interno afferma: «Con 20mila posti di lavoro a rischio, Balotelli è l’ultima delle mie preoccupazioni, l’ultima l’ultima l’ultima», riferendosi alla crisi dell’ex Ilva. Il leader della Lega, durante una conferenza in Senato, sottolinea che per lui «vale più un operaio dell’Ilva che dieci Balotelli. Condanniamo razzismo e antisemitismo, ma non abbiamo bisogno di fenomeni».

Razzismo nel calcio, minimizzare non è la cura. Italia non può o non vuole intervenire?

Tags

Articoli correlati