Cronaca

Razzismo durante partita Pulcini: mamma urla “negro di m.” a bambino di 10 anni

La denuncia pubblica della società brianzola Aurora Desio

Altro caso di razzismo nel calcio, in Brianza. Parliamo addirittura di una partita della categoria Pulcini 2009. Una mamma insulta un bambino di 10 anni urlando “negro di merda”. La società sportiva al quale appartiene la vittima di razzismo, l’Auroria Desio, denuncia l’accaduto con una lettera su Facebook. “Negro di merda”. Proprio così. Senza se e senza ma. Senza senso. Senza pudore. Senza cervello. Nel mirino un bambino di 10 anni. Non è un incubo. È realtà, tristissima. Andata in scena sabato pomeriggio in Brianza”, esordisce la società di calcio.

“Attrice protagonista, da “oscar dell’inciviltà”, una mamma. La partita è Aurora Desio-Sovicese, Pulcini 2009.
Il peggio arriva quando un piccolo giocatore dell’Aurora, di colore, si sente insultare con quella frase choc – “negro di merda” – proveniente dai genitori ospiti. La voce è femminile ed è sentita da altri compagni e da altri adulti”.

“Con questa lettera, l’Aurora Desio vuole pubblicamente denunciare questa vergogna alle autorità politiche nazionali e locali, alla Lnd Figc, ai media locali e non, affinchè si faccia squadra contro questo disgustoso fenomeno”, conclude l’Auroria Desio.

Al Ministro dello Sport Vincenzo SpadaforaAll'Assessore Regionale allo Sport Martina CambiaghiAl Sindaco con delega…

Pubblicato da Aurora Desio Calcio – Settore Giovanile su Lunedì 4 novembre 2019

Tags

Articoli correlati