Cronaca

Piano Roma sicura: arriva il primo rapporto sul rischio frane nella Capitale

Elencate e analizzate tutte le fragilità idrogeologiche e del sottosuolo

Trecentottantatre. Il numero dei siti interessati da fenomeni franosi a Roma è impressionante. Il dato arriva dal dossier “Il Piano Roma Sicura”, promosso dall’Autorità di Distretto Idrografico dell’Italia centrale, in collaborazione con ISPRA e Protezione Civile, che ha elencato e analizzato tutte le grandi fragilità della Capitale e in particolare alluvioni, frane e cavità del sottosuolo. Oltre i 380 siti a rischio, sono circa 90 le voragini che si sono aperte in città, di cui 44 dall’inizio del 2018.
Le aree particolarmente interessate dalla formazione di grandi voragini si concentrano nella zona orientale di Roma, ma anche nel centro storico con le aree dell’Aventino, del Palatino e dell’Esquilino. Negli ultimi 8 anni si è assistito ad un grande incremento del numero delle voragini: da una media di 16 voragini l’anno (dal 1998 al 2008) si è passati ad una media annuale di più di 90 voragini; il massimo di 104 è stato registrato nel 2013.

Secondo il dossier la causa principale della formazione delle voragini è “la presenza di numerose cavità sotterranee di origine antropica scavate dall’uomo a vario titolo ma principalmente per l’estrazione dei materiali da costruzione. Tali vuoti costituiscono in molti casi una intricata rete di gallerie”.

Il rapporto si sofferma anche sul rischio di alluvioni e inondazioni. Da sempre Roma ha dovuto affrontare disastrose alluvioni del Tevere anche in sequenza ravvicinata. Dall’Unità d’Italia ad oggi sono state 4 le grandi alluvioni che hanno colpito la città (1870, 1937, 1947, 2012) e i livelli della piena sono stati segnalati da 90 “manine” e lapidi di marmo su facciate di palazzi e chiede del centro storico.
Le cartografie aggiornate dell’Autorità di Distretto mostrano ancora le grandi fragilità di un territorio ad alto rischio alluvionale, ben 1.135 ettari dove vivono e lavorano circa 250.000 persone. Si tratta della più elevata esposizione d’Europa.

Tags

Articoli correlati