CronacaPrimo Piano

Pesaro, pensionato ucciso in casa. Svolta indagini, inchiodati quattro uomini

I quattro, tutti originari della Calabria, sono stati fermati grazie ai filmati delle telecamere e da tracce di dna. La prima ipotesi è quella della rapina finita male

Pesaro – Svolta nell’inchiesta sull’omicidio di Sesto Grilli, il pensionato 74enne trovato morto, legato e imbavagliato all’interno della sua abitazione di San Lorenzo in Campo il 17 marzo scorso. I carabinieri di Pesaro hanno arrestato quattro persone, tutti di origine calabrese ma residenti tra Marche ed Emilia Romagna. A incastrare i quattro, finiti in carcere, tracce di dna e filmati delle telecamere di videosorveglianza. L’ipotesi al momento più accreditata è quella della rapina finita male. Durante le perquisizioni eseguite dopo il delitto erano stati infatti trovati nell’abitazione di Grilli circa 13mila euro in contanti.

Gli arresti sono avvenuti tra Pesaro, San Pietro in Casale (Bologna) e Melissa (Crotone). I carabinieri hanno inoltre fatto ricorso a pedinamenti e altri mezzi per avvicinare i quattro uomini e acquisire i campioni biologici, utili per comparare le tracce genetiche rinvenute sul nastro che stringeva la vittima. I quattro saranno ora interrogati in carcere, mentre restano da chiarire i ruoli dei killer nel feroce pestaggio di quella notte.

Tags

Articoli correlati