Cronaca

Pavia, frode e caporalato: GdF sequestra a imprenditore beni per 9 milioni

L'uomo di 63 anni sfruttava centinaia di lavoratori impiegati alla Città del libro di Stradella

Pavia – La Guardia di Finanza di Pavia ha sequestrato sette società e 154 immobili a un imprenditore di 63 anni, che era a capo di una società milanese, sotto processo davanti al Tribunale di Pavia con l’accusa di essere il fondatore di un’associazione a delinquere finalizzata alla frode fiscale, al reclutamento e allo sfruttamento di centinaia di lavoratori impiegati alla Città del libro di Stradella.

Il sequestro, che un valore di 9 milioni e 243 mila euro, è stato disposto dal Tribunale su richiesta del pm Paolo Mazza ed eseguito dalla Guardia di Finanza su una serie di immobili a Milano, ma anche sul lago di Garda, a Sestriere e in Costa Smeralda.

Tags

Articoli correlati