Cronaca

Papa Francesco al Corpo di Guardia Svizzera: diversità culturale è ricchezza

Le parole di Papa Francesco al Corpo di Guardia Pontificia: ringraziamenti e elogio al rispetto delle diversità

Città del Vaticano – Questa mattina, nella Sala Clementina del Palazzo Apostolico Vaticano, Papa Francesco ha ricevuto in Udienza il Corpo della Guardia Svizzera Pontificia, in occasione del giuramento delle nuove reclute, accompagnate dai familiari.

Nel suo discorso, Papa Francesco ha sottolineato l’importanza di riconoscere “la diversità culturale, religiosa e sociale come una ricchezza umana e non come una minaccia”, soprattutto questo periodo storico in cui ci sono “ingenti movimenti di popoli e di persone alla ricerca di sicurezza e di una vita dignitosa”.

Dal discorso del Santo Padre: La realtà della caserma insegna alcuni principi etici e spirituali, che riflettono molti dei valori che vanno perseguiti anche nella vita: il dialogo, la lealtà, l’equilibrio nei rapporti, la comprensione. Vi è data la possibilità di sperimentare momenti di gioia e inevitabili momenti di difficoltà, tipici di una esperienza collettiva. Ma soprattutto avete l’opportunità di costruire sane amicizie e allenarvi al rispetto delle peculiarità e delle idee altrui, imparando a riconoscere nell’altro un fratello e un compagno con cui condividere serenamente un tratto di strada. Ciò vi aiuterà a vivere nella società con l’atteggiamento giusto, riconoscendo la diversità culturale, religiosa e sociale come ricchezza umana e non come una minaccia. Questo è particolarmente importante in un mondo che sta vivendo, come mai prima, ingenti movimenti di popoli e di persone alla ricerca di sicurezza e di una vita dignitosa.

Tags

Articoli correlati