Cronaca

Nordio, la certezza della pena non coincide con il carcere

ROMA, 25 OTT – La pena “come ho già detto varie volte nei miei scritti, non coincide necessariamente con il carcere. L’esecuzione della pena, che deve essere certa, deve essere proporzionata, deve essere soprattutto equa, perché il primo giudice del giudice è l’imputato o il condannato”. E “deve essere orientata alla rieducazione del condannato. Tutto questo noi cercheremo di farlo attraverso la riorganizzazione del sistema carcerario che a me sta molto a cuore”. Lo ha detto il ministro della Giustizia Carlo Nordio, annunciando che farà nelle carceri le sue prime visite: “Questo non significa essere buonisti ma applicare la Costituzione”. Nordio ha anche ribadito di ritenere “giusta” la direzione delle riforme sulla giustizia di Marta Cartabia e ha affermato che l’attuale governo “cercherà di portare avanti in modo ancora più avanzato queste riforme” (ANSA).

(ANSA)

Articoli correlati