CronacaPrimo Piano

Noemi, Armando Del Re resta in carcere

Decisione del gip del Tribunale di Siena. I fratelli killer hanno buttato via il cellulare dopo l'agguato

Armando Del Re, accusato di aver sparato alla piccola Noemi, resta in carcere. Il giudice per le indagini preliminari Alessandro Buccino Grimaldi del Tribunale di Siena ha emesso misura di ordinanza di custodia cautelare in carcere. L’udienza di convalida del fermo si era svolta sabato scorso e il gip si era riservato di decidere. Il 28enne è accusato di avere aperto il fuoco in piazza Nazionale lo scorso 3 maggio allo scopo di ammazzare il 32enne Salvatore Nurcaro. Nell’agguato è rimasta gravemente ferita la piccola Noemi di 4 anni, le cui condizioni sono in ripresa.
Questa mattina è fissata l’udienza di convalida del fermo per Antonio Del Re, il fratello di Armando, accusato di avere fornito supporto logistico al fratello. Le indagini proseguono, nel frattempo, per inquadrare il movente dell’agguato.

Intanto emergono nuovi dettagli: i due fratelli buttarono il cellulare dopo l’agguato. Armando Del Re aveva un telefono criptato di cui si è sbarazzato non appena ha scoperto di esser finito nel mirino delle indagini.  È questo uno dei punti sostenuto dalla Procura di Napoli.

Tags

Articoli correlati