CronacaPrimo Piano

Napoli, pestarono 19enne con caschi e cinture, fermato branco: chat decisive

Si tratta di sette minorenni e due maggiorenni

Napoli – I Carabinieri di Castello di Cisterna (Napoli) hanno fermato 9 persone responsabili di un violento pestaggio ai danni di un 19enne di Brusciano. L’azione violenta risale allo scorso luglio. Si tratta di sette minorenni e due maggiorenni. I minorenni sono stati collocati in una comunità, i due maggiorenni agli arresti domiciliari. I reati ipotizzati sono concorso in lesioni gravi, minaccia grave e danneggiamento.

I carabinieri hanno ricostruito l’aggressione, particolarmente feroce. Il 19enne infatti è stato accerchiato dal branco, che poi ha cominciato a colpire con calci e pugni. Non solo, sarebbero stati utilizzati anche caschi e cinture. Le chat di WhatsApp sono risultate decisive ai fini delle indagini. In un gruppo infatti i giovani delinquenti esaltavano le loro gesta. La giovane vittima riuscì a fuggire dal pestaggio grazie all’intervento di un estraneo. Ad alcuni minorenni sono stati contestati altri reati quali furto, molestie, minacce gravi e la partecipazione ad una rissa, avvenuta il 25 agosto durante la festa dei Gigli di Brusciano.

Tags

Articoli correlati