CronacaPrimo Piano

Monterotondo, Deborah torna libera

La Procura di Tivoli ha firmato il decreto di remissione in libertà

La diciannovenne Deborah Sciacquatori, che a Monterotondo ha ucciso il padre colpendolo con un pugno che si è rivelato fatale, torna libera.
La Procura di Tivoli ha firmato il decreto di remissione in libertà. Deborah era ai domiciliari e ora l’accusa nei suoi confronti è stata derubricata da omicidio volontario in eccesso colposo di legittima difesa.
«Al momento – ha detto il Procuratore capo di Tivoli, Francesco Menditto – la ragazza è indagata per eccesso colposo di legittima difesa, ma non è escluso che, nelle prossime 2 settimane, si possa chiedere al gip l’archiviazione perché la ragazza, allo stato degli atti a nostra conoscenza, ha agito per difendersi».

Monterotondo: una ragazza ha ucciso il padre, ubriaco e violento, dopo averlo colpito con un pugno

Tags

Articoli correlati