CronacaPrimo Piano

Mirandola, incendio doloso alla polizia municipale: due morti. Arrestato il colpevole

Prima le fiamme poi l'esplosione. Due persone gravemente ferite e 16 intossicate. In manette un giovane nordafricano

Un incendio è divampato la notte scorsa nella sede della polizia locale di Mirandola, nel Modenese. Il rogo è di origine dolosa: lo confermerebbero i primi accertamenti compiuti sul posto. Il bilancio del rogo è di due morti, due feriti gravi e 16 intossicati. 

È stato arrestato un giovane di origini nordafricane per l’incendio alla sede della polizia municipale di Mirandola in seguito al quale sono morte un’anziana di 84 anni e la sua badante di 74. Il ragazzo, con numerosi precedenti e colpito da ordine di espulsione, è stato arrestato con le accuse di furto aggravato, danneggiamento a seguito di incendio e morte come conseguenza di altro delitto.

Secondo la ricostruzione dei carabinieri di Carpi, il giovane intorno alle tre si è introdotto nel comando della polizia municipale di Mirandola e, dopo aver preso un giubbotto antiproiettile, un cellulare, tre berretti di ordinanza e qualche suppellettile, ha incendiato alcuni arredi. Fuggito, è stato bloccato dai militari. Nel frattempo le fiamme si sono propagate sprigionando un fumo intenso che ha saturato gli appartamenti al primo e al secondo piano della palazzina, causando la morte per asfissia delle due donne, la gravissima intossicazione di un uomo e, in forma meno acuta, di altre 18 persone.

Tags

Articoli correlati