CronacaPrimo Piano

Milano, spari in Porta Romana. Uomo colpito alla testa, è gravissimo

E' accaduto questa mattina intorno alle 8.10. La Polizia sta indagando, l'ipotesi al momento più accreditata è quella del regolamento di conti nel mondo dello spaccio

Sparatoria a Milano, nei pressi di Porta Romana. Un uomo è stato raggiunto questa mattina, intorno alle 8.10, da colpi di arma da fuoco. La vittima non avrebbe mai perso conoscenza, i soccorsi sono ancora sul posto. La Polizia sta indagando sull’accaduto.

Secondo quanto riportato dall’Ansa, l’uomo ferito nell’agguato consumatosi stamattina nel centro di Milano è un 46enne con diversi precedenti per droga. Secondo le ricostruzioni, l’uomo a bordo della sua vettura è stato affiancato da due uomini in sella a uno scooter che hanno fatto fuoco mentre la macchina procedeva lungo una strada stretta in cui non c’è spazio per il passaggio di un’altra vettura. L’uomo è stato raggiunto alla testa ed è in gravissime condizioni al Policlinico di Milano. La Polizia sta indagando sulla vita della vittima per arrivare a capire i motivi dell’agguato, ma l’ipotesi al momento più accreditata è quella del regolamento di conti nel mondo dello spaccio. Sul posto sono intervenuti anche gli agenti della squadra mobile e della scientifica: il video.

Milano
Foto ANSA

Il 46enne ferito alla testa questa mattina a Milano in via Cadore, nei pressi di Porta Romana, si chiama Enzo Anghinelli. Attualmente è ricoverato in gravi condizioni al Policlinico, ma sembra non abbia mai perso conoscenza. Gli agenti della Polizia non hanno dubbi sul fatto che chi ha sparato volesse uccidere. L’agguato è stato velocissimo, i due sullo scooter hanno sparato attraverso il finestrino dell’auto, lasciando la vittima nell’abitacolo. Alcuni condomini, attirati dagli spari, sono scesi per prestare soccorso e hanno trovato l’uomo ancora cosciente.

  • Aggiornamento delle 12:15

Il nome di Enzo Anghinelli è comparso in diverse indagini sul traffico di droga anche di alto livello. Nel novembre 2007 Anghinelli venne arrestato dai carabinieri assieme ad altre tre persone davanti a un autonoleggio in via Teodosio 64, a Milano.
In quell’occasione i militari sequestrarono 26 chili di cocaina pura al 90% che, secondo le indagini, sarebbero finiti nelle discoteche per il periodo natalizio. Anghinelli venne sorpreso alla guida di una Golf, tentò di disfarsi di due panetti da un chilo che aveva infilato nella giacca.
Anghinelli è finito anche nell’indagine “White” dei carabinieri di Milano, che nel 2012 portò all’arresto di 45 persone accusate, a vario titolo, di far parte di un’organizzazione che importava cocaina dal Sudamerica.

Tags

Articoli correlati

Leggi anche

Close