CronacaMeteorologiaPrimo Piano

Meteo: torna l’estate sull’Italia. E non si tratterà di una breve parentesi, bensì di un lungo periodo: quanto?

Ultima parte della settimana con il dominio dell'alta pressione che abbraccerà gran parte del centrosud Europa

Grazie al rinforzo dell’alta pressione, sabato e domenica il termometro potrà sfiorare i 30 gradi al Nord e addirittura superarli nelle regioni tirreniche e sulla Sardegna, con un’anomalia termica anche dell’ordine di 4-5 gradi. Al Sud, invece, il caldo sarà in parte mitigato dalla persistenza di una moderata ventilazione da nord. Sole, assenza di precipitazioni e clima estivo potrebbero proseguire fino a metà della prossima settimana, quando il caldo potrebbe persino intensificarsi, specialmente al Centrosud. Nel dettaglio,venerdì su tutte le regioni tempo ben soleggiato, con cieli prevalentemente sereni. Scarsa anche l’eventuale e modesta nuvolosità pomeridiana attorno ai rilievi. Temperature: stazionarie o in lieve aumento sia nei valori minimi che in quelli massimi. Al Nord, nelle regioni tirreniche e sulle Isole maggiori si potranno raggiungere i 28-30 gradi, con punte anche superiori sulla Sardegna. Venti: da deboli a moderati settentrionali su Toscana, Umbria, medio Adriatico, al Sud e sulla Sicilia settentrionale, localmente anche forti su Canale d’Otranto e Mar Ionio. Il consolidamento di un vasto campo di alta pressione sull’Italia e sull’Europa centro-meridionale garantirà un fine settimana di tempo stabile e in prevalenza soleggiato su tutto il nostro Paese. Da segnalare soltanto il passaggio di nubi alte e sottili nelle regioni più occidentali sia sabato che domenica. Il clima sarà tipico di fine estate con temperature in aumento, destinate a portarsi quasi ovunque al di sopra della media stagionale. Le regioni più calde saranno Toscana, Lazio, Campania e Isole maggiori, dove si potranno di poco superare i 30 gradi. Al Nord, invece, si toccheranno facilmente i 28-29 gradi: in tutte queste zone l’anomalia termica sarà anche di 4-5 gradi. Da segnalare, inoltre, la persistenza di una moderata ventilazione da nord sul medio versante adriatico e al Sud. La situazione appena descritta potrebbe accompagnarci fino a metà della prossima settimana: fino ad allora, quindi, avremo alta pressione, assenza di precipitazioni e possibile, ulteriore intensificazione del caldo con temperature sensibilmente oltre la norma.

 

Tags

Articoli correlati