CronacaMeteorologiaPrimo Piano

Meteo: dopo l’estrema variabilità, sole e clima gradevole tornano protagonisti

Alta pressione in rinforzo prevista nell'ultima parte della settimana

Tempo variabile sull’Italia, ma ancora per pochi giorni: nell’ultima parte della settimana spazio a sole e clima decisamente gradevole. Questa prima decade di ottobre prosegue infatti nel segno della grande variabilità meteorologica e con repentini sbalzi termici, ma in un contesto climatico per molti più in linea con l’inizio dell’autunno. L’Italia infatti resta in balia di veloci perturbazioni: tra una che se ne sta andando (la n. 3) e un’altra (la n. 4) che raggiungerà mercoledì le regioni del Nord, si inserisce una breve fase di tempo più stabile e soleggiato attesa per la giornata di martedì. La perturbazione in arrivo a metà settimana mostra ancora alcune incertezze: gli effetti più rilevanti in termini di piogge e temporali dovrebbero limitarsi alle regioni settentrionali, risultando così molto più marginale l’eventuale coinvolgimento del Centrosud nella giornata di giovedì. Giungono invece, conferme, circa una parte finale di settimana decisamente più tranquilla per tutto il Paese, grazie ad una rimonta più decisa e prolungata dell’alta pressione di matrice sub-tropicale, con temperature in sensibile rialzo e un clima diurno eccezionalmente mite per il periodo.

Nel dettaglio, mercoledì al Nord cielo da nuvoloso a coperto sin dal mattino, con piogge sparse più probabili da metà giornata. Nella notte tendenza a miglioramento a partire da ovest. Su Puglia meridionale, Calabria e Sicilia nuvolosità variabile, con alcune brevi piogge o locali rovesci nei settori ionici. Nel resto del Paese cielo sereno o poco nuvoloso, ma con nubi in aumento dal pomeriggio sulla Toscana. Temperature: minime in calo al Sud; massime in diminuzione al Nordovest, in ulteriore aumento su Sardegna, regioni centrali adriatiche e meridionali dove si potrebbero anche superare i 25 gradi. Venti: moderati o tesi di Scirocco su mare Adriatico, mar Ionio e Canale di Sicilia. Nella giornata di giovedì la perturbazione n. 4 si allontanerà dall’Italia muovendosi verso la penisola balcanica. La sua coda scivolerà lungo la penisola, ma con scarsi effetti, essenzialmente limitati a Calabria e Sicilia orientale (si tratta di una evoluzione ancora incerta). Alle sue spalle si profila una rimonta più decisa dell’alta pressione di matrice sub-tropicale e una fase di tempo ovunque stabile e soleggiato che dovrebbe accompagnarci almeno fino al fine settimana. La massa d’aria calda ad essa associata, risalendo verso l’Europa meridionale e l’Italia, favorirà un generale rialzo delle temperature, più sensibile tra sabato e domenica con valori al di sopra della media stagionale e un clima decisamente mite, soprattutto al Centro-Sud.

 

Tags

Articoli correlati